È davvero possibile che in Antartide si nascondano le prove dell’esistenza di antiche civiltà altamente avanzate?

1.213

È plausibile che sotto gli impenetrabili strati di ghiaccio dell’Antartide si celino segreti che attestano l’esistenza di civiltà antiche e progredite? Le mappe di Piri Reis, Buache e Orontius Finaeus potrebbero indicare che l’Antartide fu esplorato in un’epoca precedente all’era moderna, e che un qualche individuo riuscì a cartografare il continente prima della sua glaciazione? Questo spiegherebbe l’interesse particolare dei Nazisti per l’esplorazione antartica?

L’Antartide è uno dei territori più enigmatici del nostro pianeta, dove scienziati e personale militare hanno registrato fenomeni inusuali e inspiegabili.

Questo luogo avvolto nel mistero sembra essere il palcoscenico di scoperte eccezionali, dalle suggestive piramidi a tecnologie apparentemente avanzate.

Si potrebbe ipotizzare che dietro gli spessi strati di ghiaccio dell‘Antartide si nasconda effettivamente qualche segreto antico?

Vi siete mai chiesti se, in un’epoca remota, quando l’Antartide aveva un aspetto molto diverso, potesse ospitare civiltà antiche? Le rivelazioni del XX secolo hanno scatenato un dibattito globale sull’Antartide e sui suoi misteri insondabili.

Una mappa insolita suggerisce un’Antartide priva di ghiacci, rappresentata come un continente verde e lussureggiante, attraversato da fiumi. Parliamo della mappa di Piri Reis.

Questa mappa suggerisce che qualcuno ha esplorato l’Antartide centinaia o forse migliaia di anni fa, prima che venisse coperto dal ghiaccio.

La mappa di Piri Reis suggerisce che l’Antartide potrebbe essere stato scoperto diversi secoli prima delle spedizioni ufficiali.

Oltre a questa mappa, altre cartografie simili sono state rinvenute nel corso del tempo, lasciando pensare che una civiltà avanzata potesse aver abitato il nostro pianeta in un’epoca lontana.

Tuttavia, gli accademici tradizionali sono scettici riguardo a queste teorie.

Oltre alla mappa di Piri Reis, vi è la controversa mappa di Philippe Buache de la Neuville, un geografo francese. Una delle versioni della mappa di Buache sembra rappresentare l’Antartide come un litorale libero dai ghiacci, mentre l’altra versione non fa alcun riferimento al continente. Alcuni ritengono che Buache fosse ignaro dell’esistenza del continente ghiacciato e che le sue rappresentazioni fossero soltanto speculazioni.

La mappa di Orontius Finaeus è un altro esempio che mostra un’Antartide senza ghiacci. Interessante è il fatto che, grazie ai metodi di datazione del Dr. WD Urry della Carnegie Institution di Washington DC, si è stabilito che i fiumi dell’Antartide, come raffigurato sulla mappa di Orontius Finaeus, scorrevano circa 6.000 anni fa.

È noto che i Nazisti erano a conoscenza di queste mappe e, secondo la loro visione del mondo, l’Antartide doveva avere un’importanza cruciale. Hitler, noto per la sua ossessione per l’occulto e le civiltà perdute, credeva che l’Antartide e l’Atlantide fossero la stessa entità, sperando di trovare antichi artefatti magici sepolti nel ghiaccio che avrebbero potuto contribuire al suo obiettivo di dominazione globale.

Si racconta che i Nazisti abbiano organizzato una spedizione in Antartide, creando una vasta caverna artificiale sufficientemente grande da ospitare veicoli e attrezzature militari.

Inoltre, si dice che abbiano eretto una grande base chiamata “Stazione 211” nella regione di Neuschwabenland, conosciuta anche come Terra della regina Maud.

Geologi coinvolti in queste spedizioni tedesche hanno riferito la presenza di aree con una vegetazione rigogliosa, alimentate da sorgenti di acqua calda e altre fonti geotermiche.

Una dichiarazione intrigante sull’Antartide e Neuschwabenland è stata fatta dal Grande Ammiraglio Karl Dönitz, che ha affermato: “La flotta sottomarina tedesca è orgogliosa di aver costruito un ‘Shangri-La‘ per il Führer in un angolo remoto del mondo, che diventerà una fortezza inespugnabile.”

Successivamente, gli Stati Uniti hanno appreso delle esplorazioni Naziste in Antartide e hanno organizzato una missione di esplorazione propria.

Ci sono state molte voci e teorie riguardo a queste vicende. Tuttavia, alcune informazioni sembrano essere corroborate da prove concrete.

Secondo scienziati americani che hanno partecipato a queste missioni, durante la loro permanenza in Antartide, hanno osservato misteriosi oggetti volanti non identificati, che mostravano tecnologie avanzate.

Per anni, gli esploratori antartici hanno riferito avvistamenti che ricordano quella che viene comunemente descritta come “tecnologia aliena”. Un avvistamento di massa di UFO è stato registrato nel 1965 da scienziati e militari britannici, cileni e argentini.

Ma cosa rende l’Antartide così affascinante? Cosa spinge tante persone a esplorare questa regione?

Alcune suggestioni indicano che potrebbero esistere prove di una civiltà antica e tecnologicamente avanzata sepolti sotto il ghiaccio antartico.

Numerosi documentari hanno evidenziato come, per decenni, se non secoli, avventurieri e ricercatori si siano avventurati in Antartide alla ricerca di tesori nascosti.

Potrebbe essere che, in fondo, sotto quegli strati di ghiaccio, siano custodite tracce di civiltà avanzate che un tempo prosperavano quando l’Antartide era un territorio verde e fertile, popolato da fauna esotica.

Come sempre, asserzioni così straordinarie necessitano di prove altrettanto straordinarie.

fonte AncientCode

I commenti sono chiusi.