“Ho vissuto 92 giorni su una navicella aliena”, dice un ex pilota americano (Video)

3.974

Nel 2007, Alex Collier raccontò di essere stato rapito da alieni e di aver trascorso quasi tre mesi all’interno di un’enorme astronave aliena, mentre sulla Terra passarono solo 18 minuti durante questo periodo.

Alex Collier in conferenza in Giappone nel 2007.

Ex pilota dell’Esercito degli Stati Uniti, Collier potrebbe essere stato uno dei primi militari statunitensi a rendere pubblici avvistamenti di UFO e/o incontri con extraterrestri. Secondo la sua testimonianza, l’evento si verificò nel 1989, quando si trovava in una posizione non specificata all’interno di un campo di mais.

Affaticato, si addormentò nel campo e si risvegliò a bordo di un’astronave aliena, disteso su un tavolo.

Descrivendo l’incontro, Collier dichiarò:

“Mentre giacevo su questo tavolo, c’era un essere molto alto, forse oltre due metri di altezza, dalla pelle azzurro chiaro e perfetto fisicamente. La mia reazione istintiva fu di riconoscerli immediatamente, senza paura, provando un istantaneo affetto nei loro confronti.”

Sostenne di essere rimasto all’interno dell’astronave per quasi tre mesi e riferì che a bordo vi erano gli Andromedani, abitanti della galassia di Andromeda, situata a 740-830 chiloparsec dalla nostra Via Lattea.

Collier proseguì spiegando:

“Durante questi tre mesi, ho avuto l’opportunità di esplorare la loro società e di osservarli, quasi come un pesce in un acquario, poiché molti di loro mi osservavano e riuscivano a percepire i miei pensieri. In quel periodo, mi furono insegnate informazioni riguardanti il nostro mondo, destinate ai loro discendenti.”

Descrivendo l’astronave Andromedana, Collier la definì enormemente grande, con un diametro di circa 1300 chilometri, in grado di attraversare simultaneamente diverse dimensioni.

Collier ebbe difficoltà a spiegare questo concetto:

“La parte esterna della nave fisica si estendeva per 1300 chilometri, ciò dovuto alle leggi fisiche della dimensione in cui si trovava. All’interno, vigevano altre leggi fisiche… non appena oltrepassavi la sua soglia, ti trovavi in un’altra dimensione, e il guscio fisico subiva cambiamenti.”

Gli Andromedani fornirono a Collier una cintura da indossare, che manteneva i suoi atomi, molecole e cellule uniti, creando letteralmente un bozzolo attorno a lui. Collier poteva interagire con loro, e viceversa.

Durante il suo soggiorno sulla nave, Collier comunicò principalmente con due alieni dalla pelle blu, chiamati Vissey e Moroanei.

Questi esseri rivelarono a Collier che l’Universo è stato creato 21 miliardi di anni fa e ospita circa 135 miliardi di creature simili agli umani.

Collier aggiunse:

“Vennero a trovarmi perché la linea genetica della mia famiglia risale a loro, e mi dissero che ero qui come parte di un avamposto da 62 mila anni. Avevo cercato di porre fine a una disputa tra due altri visitatori alieni e fui ucciso, finendo nel ciclo di reincarnazione della Terra.”

Collier spiegò che gli Andromedani vivono eccezionalmente a lungo, con Vissey che aveva 43.000 anni e Moroanei circa 1.700 anni. In un momento specifico, un piccolo oggetto metallico fu posizionato sulla sua testa, dopo il quale iniziarono a comparire sui monitor alle pareti della nave varie scene delle sue vite passate.

Collier concluse dicendo:

“Se questa è la vera natura del nostro universo e del suo funzionamento, dobbiamo comprendere che c’è di più per noi, poiché siamo collegati a questo processo nella maggior parte, se non in tutti, i suoi livelli.”

Questo episodio fu dettagliatamente esposto da Collier in una conferenza tenuta in Giappone nel 2007.

fonte ovnihoje

I commenti sono chiusi.