Il fenomeno della vita che passa davanti agli occhi prima della morte: una nuova ricerca fornisce risposte sorprendenti

4.527

Le diverse culture del mondo narrano leggende in cui le persone, poco prima di morire, vedono la loro vita intera scorrere davanti a loro come in un caleidoscopio colorato e brillante.

Questo fenomeno è conosciuto sin dai tempi antichi, ma solo ora gli scienziati hanno trovato una spiegazione per questo strano evento. Inizialmente, i ricercatori sono riusciti a registrare in modo preciso che quando una persona passa da uno stato di vita ad uno stato inanimato, la frequenza cardiaca aumenta e il cervello aumenta la sua attività.

Gli studiosi credono che, prima di morire, le persone vedano davvero la loro vita intera, e coloro che hanno avuto esperienze di morte clinica descrivono una condizione insolita.

Alcuni affermano di essere “fluttuati sopra il proprio corpo“, mentre altri parlano di “un lungo tunnel con una luce alla fine”, mentre altri ancora parlano di incontri con i loro cari deceduti. Molti affermano di aver visto un caleidoscopio di scene della loro vita. Gli scienziati hanno concluso che la frase “la vita intera passa davanti agli occhi” si basa su un meccanismo biologico reale piuttosto che sulla fantasia delle persone.

Tuttavia, la natura di questo meccanismo biologico è ancora da determinare. Un gruppo di scienziati dell’Università del Michigan ha scoperto insoliti e grandi picchi di attività cerebrale nei pazienti morenti. Inoltre, la natura dell’attività registrata indica che le persone vedono qualcosa negli ultimi momenti della loro vita. Questi picchi sono stati osservati in aree associate alla coscienza, in particolare in una forma di attività anomala ad una frequenza gamma, che rappresenta la frequenza più veloce del cervello umano.

Approfondendo la ricerca su questi picchi, gli scienziati hanno scoperto che l’attività delle onde gamma inizia nella parte posteriore del cervello. In altre parole, nonostante l’immobilità fisica, le persone possono vedere immagini nella loro mente. Gli scienziati ritengono che non tutti sperimentino questo fenomeno, ma che dipenda da alcune caratteristiche individuali che possono attivare l’attività cerebrale.

Tuttavia, gli stessi scienziati avvertono che i risultati dello studio devono essere trattati con cautela a causa della limitatezza del campione. I ricercatori intendono condurre un esperimento simile in laboratorio con un volontario che ha accettato di simulare un’esperienza di morte imminente. Lo studio è stato pubblicato su PNAS.

I commenti sono chiusi.