Il futuro dell’umanità, secondo l’ uomo che cadde in coma e si è ritrovato nell’anno 3906

8.500

Nel 1921, Paul Amadeus Dienach, un docente di origine svizzero-austriaca affetto da gravi problemi di salute, è entrato in uno stato di coma profondo e si è risvegliato un anno dopo.

Durante questo periodo comatoso, la sua coscienza sembra aver viaggiato nel futuro e si è fusa con quella di un uomo vivente nell’anno 3906. Qui sono riportate alcune delle visioni e delle anticipazioni che Dienach ha ricevuto riguardo agli eventi che caratterizzeranno la storia della Terra nel corso del prossimo millennio.

Nel suo racconto, l’autore spiega che gli abitanti del futuro avevano compreso la particolare condizione medica di Dienach, che essi denominavano “scorrimento consapevole della coscienza”, e gli hanno fornito dettagli sulle principali vicende storiche che si svolgeranno tra il XXI e il XXXIX secolo.

Tuttavia, gli è stato nascosto il dettaglio preciso della storia del ventesimo secolo, poiché era considerato rischioso per lui, al suo ritorno nel proprio corpo, conoscere gli eventi imminenti della sua epoca, temendo che ciò potesse alterare il corso della storia e della sua esistenza.

Al suo risveglio dal coma, avvenuto nel 1922, Dienach si è ritrovato in possesso di una vasta quantità di conoscenze e informazioni acquisite durante la sua straordinaria esperienza nel futuro.

Consapevole del poco tempo a disposizione, Dienach ha deciso di redigere un diario, annotando tutto ciò che riusciva a ricordare della sua eccezionale avventura.

È degno di nota il fatto che Paul Dienach non fosse uno scrittore o un poeta professionista, ma un uomo comune che teneva un diario senza l’aspettativa che venisse mai pubblicato e riconosciuto, come invece è accaduto.

Ecco le proiezioni di Paul Dienach per il futuro dell’umanità:

  • 2000-2300: L’umanità si trova ancora alle prese con problemi come sovrappopolazione, distruzione dell’ambiente, disuguaglianza economica, sistemi monetari fallaci, carenza di alimentazione adeguata per tutti e conflitti armati locali. Le persone sono impegnate in una frenetica lotta per la sopravvivenza economica, senza tempo per dedicarsi al proprio sviluppo interiore e spirituale.
  • 2204: Viene completata una vasta colonizzazione di Marte, coinvolgendo 20 milioni di persone. Tuttavia, nel 2265, una devastante catastrofe naturale provoca la loro estinzione, ponendo fine ai tentativi di colonizzazione del pianeta rosso.
  • 2309: A causa di problemi irrisolti e accumulati nel tempo, si scatena una grande guerra mondiale che porta alla quasi totale distruzione della civiltà, in particolare per le popolazioni asiatiche e africane.
  • 2396: Si verifica una svolta significativa con la fondazione del Parlamento Globale sulla Terra, noto come Unione Mondiale delle Nazioni o Stati. Tuttavia, nonostante sia eletto democraticamente, questo Parlamento è composto non da politici o uomini d’affari, ma da scienziati, tecnologi e figure umanitarie. Il denaro come lo conosciamo viene abolito, le risorse planetarie vengono riallocate garantendo il benessere per tutti e vengono risolti i problemi di sovrappopolazione, cambiamenti climatici, alimentazione e ambiente.
  • 3400-4000: Dopo quasi un millennio di “secoli bui”, una nuova “Età dell’Oro” inizia per l’umanità. Il governo globale è dominato da scienziati e tecnocrati, con la presenza di “creatori universali” che combinano le qualità di filosofi, artisti, scienziati, esperti e mistici. Tutto è gratuito, dalla vestizione all’alloggio, dal cibo ai trasporti. Non esiste la proprietà privata e le uniche disuguaglianze esistenti riguardano l’onore e la reputazione. Le persone non valutano più il successo in termini di beni materiali o tecnologici, ma piuttosto in termini di sviluppo emotivo, mentale e spirituale. La popolazione mondiale è inferiore al miliardo di individui e vi è abbondanza di risorse per una vita dignitosa. Le leggi sono ridotte al minimo essenziale, poiché la criminalità è quasi inesistente.

Va notato che, nonostante le numerose persone che affermano di avere avuto visioni del futuro, nessuna di queste previsioni sembra coincidere con l’altra. È altrettanto interessante notare che nessuno di questi visionari sarà presente per verificare l’effettiva realizzazione delle loro anticipazioni.

I commenti sono chiusi.