La Grande Piramide di Giza: l’unica piramide a otto lati sulla Terra

1.530

Ci sono diversi libri educativi che offrono una grande quantità di informazioni sulla costruzione delle Grandi Piramidi. Uno di quei libri che vale la pena menzionare (e uno dei preferiti dagli autori) è The Egyptian Pyramids: A Comprehensive, Illustrated Reference dell’autore JP Lepre – quest’opera generosamente illustrata è il libro di consultazione più completo mai pubblicato su queste affascinanti e avvincenti strutture dell’antico mondo.

I fatti su ciascuno dei 42 faraoni e sui monumenti che hanno costruito (e il commento dell’autore che li ha ampiamente esplorati) includono tutti gli elementi di ogni complesso piramidale che sono stati scoperti e se sono stati localizzati un sarcofago e una mummia. Vengono forniti diagrammi in sezione trasversale e planimetrie per tutte le piramidi finora scoperte, nonché fotografie ove disponibili.

Molte persone che conoscono gli otto lati della piramide credono che sia stata scoperta nel 1940, ma in realtà è stata menzionata per la prima volta in La Description de l’Egypte alla fine del 1700 da Sir William Matthew Flinders Petrie che era un egittologo inglese e un pioniere di un metodo sistematico in archeologia e conservazione dei manufatti.

Ha tenuto la prima cattedra di egittologia nel Regno Unito e ha scavato molti dei più importanti siti archeologici in Egitto con sua moglie, Hilda Petrie Alcuni considerano la sua scoperta più famosa quella della Stele di Merenptah un’opinione con cui lo stesso Petrie era d’accordo. Petrie ha sviluppato il sistema di datazione degli strati basato su ceramiche e reperti ceramici.

Durante gli studi eseguiti sul sito, Petrie ha notato un incavo nella muratura centrale al centro di ciascuna faccia ed è effettivamente misurabile. Questa caratteristica unica e relativamente sconosciuta è molto più facile da vedere dall’alto, ma in condizioni di luce favorevoli può essere vista anche da terra.

Diagramma della concavità (non in scala).

Molte teorie sono state proposte mentre diversi ricercatori e archeologi studiavano le Piramidi, ma fino ad oggi non è stata data alcuna spiegazione accettabile sul perché la Piramide sia costruita in questo modo.

Ecco alcune delle teorie proposte, (affermando il Journal of the American Research Center in Egypt , 20:1983, pp. 27-32) Martin Isler ha delineato diverse teorie che ha pubblicato nel suo lavoro; “Riguardo alle facce concave della Grande Piramide”:

  • Per dare una forma curva al nucleo per evitare che le facce scivolino.
  • Il blocco di rivestimento al centro sarebbe più grande e servirebbe più opportunamente come guida per altri blocchi nello stesso corso.
  • Per legare meglio il nucleo all’involucro.
  • Per ragioni estetiche, in quanto le facce concave renderebbero la struttura più gradevole alla vista.
  • Quando le pietre dell’involucro furono successivamente rimosse, furono fatte cadere lungo le facce, e quindi consumarono il centro delle piramidi più che i bordi.
  • L’erosione naturale della sabbia spazzata dal vento ha avuto un effetto maggiore sul centro.

Ma tutte queste teorie date sono improbabili, poiché anche Isler ha respinto le teorie di cui sopra basandosi sull’idea che “ciò che viene proposto per la prima piramide dovrebbe valere per le altre”.

Ha proposto un’altra teoria, affermando che “potrebbe essere il risultato di un metodo di costruzione imperfetto” teorizzando che la concavità era un artefatto di un errore composto nella tecnica di costruzione, un abbassamento nella linea del muratore. Ma ancora una volta queste teorie proposte sembrano contraddirsi.

Ci sono altri ricercatori e autori che hanno proposto le proprie teorie sulla concavità della Grande Piramide, alcune di queste teorie propongono che questa concavità nella misurazione potrebbe rappresentare le tre lunghezze dell’anno: solare, siderale e “anomalistica”. Ma questo non è stato dimostrato.

Una delle teorie che ha attirato la nostra attenzione è quella di John Williams, autore di Williams’ Hydraulic Theory to Cheops’ Pyramid dove propone che la faccia concava sulla Grande Piramide sia stata implementata per contenere pressioni interne estremamente elevate (Questo fa pensare a la teoria dell’Antico Alieno quando i ricercatori parlano della Grande Piramide che funge da centrale elettrica).

“La maggior parte delle piramidi ha peculiarità individuali che sono ancora difficili da spiegare. Per esempio, nella Grande Piramide, come forse in alcune altre, una grande depressione nei blocchi di imballaggio corre lungo il centro di ogni faccia, implicando una linea di rivestimento molto spessa. 

Sebbene non vi sia alcuna difficoltà particolare nel disporre i blocchi di un percorso in modo tale che aumentino di dimensioni al centro, non vi è alcuna spiegazione soddisfacente della caratteristica più di quanto non vi sia dei “blocchi di cintura” [nel Grande Passaggio ascendente della piramide] già discusso.” – Clarke e Englebach

 

 

fonte Fonte Fonte Fonte
via Fonte Fonte

I commenti sono chiusi.