La tribù Bajau e la loro mutazione genetica che li rende “esseri acquatici”

2.828

La tribù Bajau abita principalmente la penisola di Zamboanga e l’arcipelago di Jolo nelle Filippine sud-occidentali. Molti esperti hanno studiato questa civiltà da quando una strana mutazione ha permesso loro di sopravvivere fino a 13 minuti sotto il mare, a una profondità di 60-70 metri.

Normalmente, un normale essere umano trattiene il respiro sott’acqua per 2-3 minuti. Tuttavia, per la tribù Bajau, 3 minuti non sono praticamente niente.

Perché queste persone hanno questo tipo di ” superpotere “?

La misteriosa tribù Bajau

Questa civiltà presenta una strana mutazione che permette loro di nuotare liberamente in profondità marine da 60 a 70 metri , per periodi fino a 13 minuti.

Questa capacità ha permesso loro di sviluppare milze sanguigne più grandi. Questo, secondo uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Cell , che ha avuto la collaborazione di scienziati dell’Università di Copenhagen, in California e personale dell’Università di Cambridge.

I Bajau sono conosciuti popolarmente con il soprannome di ” nomadi del mare “. Per più di 1.000 anni hanno viaggiato lungo la costa del sud-est asiatico su palafitte , nutrendosi principalmente delle risorse ottenute dal mare attraverso la pesca e la caccia con la lancia.

Al momento non è noto quale sia la resistenza totale che possono raggiungere sott’acqua. La ricercatrice Melissa Ilardo è stata assicurata da un membro della tribù di aver raggiunto fino a 13 minuti consecutivi. L’esperta ha raccontato in The Atlantic di essersi tuffata con Pai Bayubu, un membro dell’isola che ha dimostrato una capacità quasi soprannaturale di muoversi nell’oceano.

Quando una persona trattiene il respiro, il corpo rilascia automaticamente una risposta cardiovascolare . Ciò significa che la frequenza cardiaca si riduce e i vasi sanguigni e la milza si contraggono. Questo meccanismo di protezione ha lo scopo di aiutare a risparmiare energia mentre è disponibile una quantità limitata di ossigeno.

In precedenza era stato ipotizzato che la milza fosse forse importante per consentire agli esseri umani di immergersi liberamente nell’acqua per lunghi periodi di tempo. Ma la relazione tra la sua dimensione e la capacità di immersione non è mai stata studiata dal punto di vista genetico.

Un adattamento unico

Ora ci sono prove che si è verificato un adattamento genetico in alcuni esseri umani, che possiedono abilità subacquee di gran lunga superiori.

Dopo aver visitato la tribù Bajau, il ricercatore ha scansionato i corpi di 59 membri con una macchina ad ultrasuoni, trovando milze fino al 50% più grandi , rispetto alla tribù Saluan, che è vicina e non ha vita acquatica.

Questo organo ha molteplici funzioni, principalmente con il sistema immunitario, poiché ha globuli bianchi. Allo stesso modo, la milza regola i fluidi nel corpo e, quindi, la quantità di sangue che abbiamo.

Normalmente, la milza è considerata delle dimensioni di un pugno, e sebbene si possa vivere senza di essa, per i Bajau sarebbe impossibile .

Quando questo organo si contrae, i globuli rossi vengono espulsi nel flusso sanguigno, il che favorisce un aumento dei livelli di ossigeno . Gli studi stimano che questa reazione lo aumenti fino al 9% , prolungando così il tempo in cui possiamo rimanere sott’acqua.

Pertanto, i ricercatori hanno respinto che l’allargamento della milza sia solo una risposta plastica alle continue immersioni, approfondendo i dati genetici del Bajau. Così hanno trovato un gene chiamato PDE10A che non è stato trovato nei Saluans e si ritiene che sia responsabile dei livelli dell’ormone tiroxina.

Questo adattamento genetico promuove un aumento dei livelli di ormone tiroideo. Di conseguenza, la dimensione della milza aumenta. Studi sui topi in cui l’ormone è stato rimosso, indicano che c’è stata una riduzione dell’organo.

Questa è la prima volta che viene identificato un adattamento genetico all’immersione nell’uomo e questo ha importanti implicazioni per la ricerca medica.

Drastico cambiamento dell’ambiente

La reazione che il corpo mostra quando è immerso nell’acqua è simile alle condizioni di ipossia acuta in cui i tessuti del corpo subiscono un’accelerazione dell’esaurimento dell’ossigeno.

Nei pronto soccorso degli ospedali, questo fenomeno è elencato come una delle principali cause di morte per complicanze. Pertanto, la tribù potrebbe fornire informazioni rilevanti per comprendere il meccanismo dell’ipossia nel corpo umano.

Ma ora, la tribù che per più di mille anni ha conquistato i mari ed è sopravvissuta a condizioni ostili, deve trasferirsi sulla terraferma e modernizzarsi , lasciando da parte il proprio stile di vita.

Le ragioni sono diverse, a cominciare dall’inquinamento dei mari, mentre la pesca eccessiva limita le risorse a cui hanno accesso.

D’altra parte, l’industrializzazione del cibo ha alterato il consumo umano e il commercio delle merci, così che gli scambi commerciali che si basavano sui prodotti stagionali hanno influito sul loro potere d’acquisto nell’acquisire beni…

I Bajau dovranno considerare un’attività per sviluppare la milza a terra, qualcosa di simile a quello che fa la tribù Rarámuri , nella Sierra Tarahumara, considerata atletica per natura per le loro straordinarie imprese di jogging tra montagne, burroni e rive di torrenti .

Una strana mutazione negli esseri umani che ci dice che possiamo evolverci in modo diverso a seconda del nostro ambiente.Fino a che punto potremmo evolverci?

fonte ufospain

I commenti sono chiusi.