Lo Strano Essere di Atacama

4.448

Il “Ser de Atacama” è un piccolo corpo delle dimensioni di una matita che è stato ritrovato nella città di La Noria, nel nord del Cile. Il ritrovamento è avvenuto 13 anni fa e da allora ha generato numerose speculazioni sulla sua origine.

 

Scienziati della Stanford University e specialisti spagnoli hanno confermato in un documentario che contiene materiale umano. Ci sono dubbi sulla sua origine ma le opere indicano che visse addirittura dai sei agli otto anni.

I risultati dell’analisi erano attesi da tutti quegli appassionati di alieni. Le caratteristiche della sua testa, l’ampiezza del cranio e le dimensioni del corpo alimentarono i suoi sospetti, mai confermati dalla sfera scientifica tradizionale.
Secondo le informazioni presentate nel documentario “Sirius”, l’umanoide soprannominato “Ata” è stato scoperto il 19 ottobre 2003 da Óscar Muñoz, che stava cercando oggetti di valore in una chiesa abbandonata a La Noria.

 

L’analisi iniziale ha stabilito che si trattava di un corpo con denti duri, una testa ovale con un rigonfiamento e nove paia di costole invece di 12 come gli umani nati sani. Inoltre, era ricoperto di tartaro e annerito. La misura totale del suo corpo non superava i 15 centimetri, non molto più grande di una matita di uso comune.

Le informazioni genetiche estratte dalla dissezione della parte finale delle due costole anteriori del corpo hanno permesso di effettuare un’analisi del DNA per determinare l’origine dello strano essere. Il lavoro ha confermato che l’umanoide di Atacama non è un feto o un animale legato alla catena evolutiva dell’uomo, ma una “mutazione interessante” di un maschio umano vissuto per diversi anni.

 

‘Posso dire con assoluta certezza che non è una scimmia. È un essere umano, più vicino agli umani degli scimpanzé. Ha vissuto fino all’età di sei o otto anni”, ha affermato Garry Nolan, direttore della biologia delle cellule staminali presso la Stanford School of Medicine, USA.

 

 

«Respirava, mangiava e metabolizzava. Resta la domanda su quanto fosse grande quando è nato”, ha detto Nolan. “Il DNA racconta la storia e disponiamo di tecniche computazionali che ci consentono di determinare, infatti, che è umano al 90%”, afferma l’esperto dell’università americana.

 

 

 

DOMANDE …

Una delle sfide che gli scienziati americani devono affrontare è quella di rispondere perché è un corpo così piccolo (sta nel palmo della mano). Lo ha ammesso Nolan in un dialogo con il quotidiano The Huffington Post.

 

Lo scienziato ha affermato che è necessario fare ulteriori ricerche per scoprire dettagli più profondi su questa curiosa mummia, perché è troppo piccola rispetto ad altre che sono state trovate sul suolo cileno.

Uno degli elementi che attira l’attenzione è che il piccolo essere aveva caratteristiche di popolazioni indigene della regione andina. Secondo Nolan, alcuni indizi guidano la ricerca verso popolazioni vissute nel secolo scorso, ma l’ipotesi non è stata ancora confermata con i test genetici.

La ricerca è stata condotta in collaborazione con Steven Greer, medico e ricercatore su temi legati alla vita extraterrestre, noto per la fondazione del Center for the Study of Extraterrestrial Intelligence e del “Disclosure Project”.

L’integrazione di Greer negli studi semina dubbi nella comunità scientifica conservatrice poiché il medico (ex presidente dell’Emergency al Caldwell Memorial Hospital negli Stati Uniti) non dubita che la vita esista realmente o sia esistita al di fuori del pianeta Terra.

 

 

Le sue considerazioni su questo tema fanno parte anche del documentario ‘Sirius’, presentato in anteprima a Los Angeles e già commercializzato su Internet e nelle sale cinematografiche di diverse città del mondo. Per Greer, il fatto che “Ata” abbia il DNA umano apre forse nuove linee di ricerca su forme di vita nate fuori dal pianeta e integrate con gli esseri umani moderni.

Il suo “Progetto Rivelazione” considera anche l’esistenza di sistemi avanzati classificati di energia e propulsione che avrebbero origine extraterrestre. I centri di ricerca scientifica non si sono pronunciati su questo.

Ora rispondete ad alcune domande: Che sia umano al 90% .. lo rende terrestre? Quanti “esseri” sono stati scoperti con le stesse caratteristiche? Cosa ne pensate?

 

 

fonte ufospain.es

I commenti sono chiusi.