Perché al CERN c’è una statua del dio indù Shiva e cosa significa?

5.787

La presenza di una statua ha suscitato varie teorie del complotto negli ultimi tempi, specialmente dopo la diffusione di un video controverso (in fondo all’articolo) girato all’interno del complesso dell’Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare (CERN).

La statua è stata inaugurata nel giugno 2004. Crediti: CERN.

Innanzitutto, sorge la domanda ovvia: perché una rappresentazione di una divinità induista si trova in un ente scientifico di tale importanza?

Secondo un rapporto del CERN, si tratta di un dono proveniente dall’India in commemorazione della lunga collaborazione iniziata negli anni ’60 e che prosegue tutt’oggi. Fu svelata nel giugno 2004 dal direttore generale dell’epoca, Dr. Robert Aymar, insieme a rappresentanti del Dipartimento di Energia Atomica dell’India.

Una volta chiarito questo aspetto, ci troviamo di fronte alla successiva domanda rilevante: cosa simboleggia esattamente questo “regalo”?

Credito: CERN.

Nel contesto religioso induista, questa rappresentazione del Signor Shiva danzante è identificata come Nataraja, che personifica Shakti o energia vitale.

Una targa descrittiva vicino alla statua indica che si crede che il Signor Shiva abbia danzato l’universo all’esistenza, lo sostenga con la sua danza e infine lo estingua per avviare un nuovo ciclo. Carl Sagan ha stabilito un’analogia tra la danza cosmica del Nataraja e lo studio contemporaneo della “danza cosmica” delle particelle subatomiche, come indicato nello stesso comunicato del CERN.

Questa scultura è in esposizione permanente nella piazza tra gli edifici 39 e 40, vicino all’Edificio Principale.

Origini e iconografia di Nataraja

La rappresentazione di Nataraja ha le sue radici nella regione del Tamil Nadu, nel sud dell’India, specialmente durante il periodo della dinastia Chola, che ha coperto approssimativamente dal IX al XIII secolo.

I sovrani Chola furono eminenti mecenati dell’arte e della religione, e sotto il loro dominio, la figura di Nataraja acquistò rilevanza. La danza cosmica di questa divinità, chiamata “Tandava”, è spesso raffigurata con quattro braccia che simboleggiano i punti cardinali.

Ogni mano tiene oggetti simbolici: la mano superiore destra tiene un damaru, un piccolo tamburo che simboleggia il suono della creazione. La mano inferiore destra è nella posizione di abhaya mudra, offrendo protezione ai suoi devoti.

La mano superiore sinistra tiene il fuoco, simboleggiando la distruzione, mentre la mano inferiore sinistra indica il suo piede alzato, rappresentando la liberazione. Infine, un demone nano (Apasmara) sotto il piede destro di Nataraja simboleggia la vittoria di Shiva sulla ignoranza e sulle forze oscure.

Conclusione La danza di Nataraja incarna la natura ciclica dell’esistenza, dove i processi di creazione e distruzione sono intrinsecamente legati. Ciò riflette la credenza induista nel ciclo senza fine di nascita, morte e rinascita (samsara), così come la riconciliazione di opposti come creazione e distruzione, vita e morte, ordine e caos.

Questa antica rappresentazione dell’equilibrio, dell’interconnessione e della dinamica del nostro universo è il motivo dietro la presenza della statua di Nataraja al CERN.

Questo centro è dedicato all’esplorazione del bosone di Higgs e altre particelle subatomiche che, come le particelle nel potente Grande Collisore di Adroni (LHC), sembrano eseguire una “danza”. Decifrare gli enigmi più profondi dell’universo a livello subatomico, inclusa la natura del bosone di Higgs, è essenziale per comprendere la formazione e la massa delle particelle elementari.

Quindi, la danza di Nataraja e la ricerca condotta al CERN condividono l’obiettivo comune di comprendere l’essenza dell’universo e il suo funzionamento a livelli macro e microscopici. Questa connessione evidenzia come la scienza e la religione spesso convergano nella ricerca di risposte sull’origine e la natura del cosmo.

fonte Misteryplanet

I commenti sono chiusi.