Progetto Horizon: L’Ambizione degli Stati Uniti di Stabilire una Base sulla Luna (Video)

2.131

L’idea di stabilire una base di operazioni sulla Luna rappresenta un potenziale militare e scientifico enorme. Il prestigio scientifico, militare e politico che avrebbe ottenuto la nazione che avesse avviato per prima una base lunare sarebbe stato inestimabile. Pertanto, è essenziale che gli Stati Uniti fossero i primi. Progetto Horizon

 Non è un segreto che il nostro satellite  sia da sempre considerato un corpo celeste strategico.

Guardando indietro nella storia, si può notare che vari paesi avevano pianificato di colonizzare con avamposti “scientifici” la sua superficie.

Tuttavia, solo recentemente sono emersi alcuni documenti che hanno rivelato i progetti di militarizzazione della Luna.

“È un requisito stabilire un avamposto militare sulla Luna. È necessaria una base lunare per sviluppare e proteggere gli eventuali interessi degli Stati Uniti sulla Luna, sviluppare tecniche di sorveglianza basate sulla Terra e lo spazio, così come collegamenti di comunicazione per le operazioni sulla superficie e servire come base per l’esplorazione lunare e una maggiore esplorazione nello spazio, supportare le operazioni militari e le ricerche scientifiche sulla Luna.” (Fonte)

Il 9 giugno 1959, il governo degli Stati Uniti decise che la costruzione di una base sulla Luna era di grande importanza per il paese. Questo progetto è noto come Progetto Horizon.

L’istituzione di una base sulla Luna è stata creata in risposta al crescente interesse di altre nazioni, così come dell’Unione Sovietica nella militarizzazione e nell’esplorazione della Luna. Il suo obiettivo principale era proteggere gli eventuali interessi degli Stati Uniti sulla superficie lunare.

Durante il 1959, la corsa spaziale stava adottando un livello completamente nuovo. Due anni dopo la proposta iniziale del Progetto Horizon, la prima missione Apollo sarebbe stata lanciata il 27 ottobre 1961, creando un nuovo capitolo nella storia dell’umanità. Tuttavia, i paesi di tutto il mondo, inizialmente gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica, non stavano solo pianificando di viaggiare sulla Luna e di posizionare gli astronauti in orbita attorno al pianeta, i loro piani erano molto avanti nel tempo, e avevano numerosi progetti in fase di avvio che avrebbero rapidamente iniziato la militarizzazione del nostro sistema solare.

I rapidi progressi nella propulsione, l’elettronica e la medicina spaziale e altre scienze dell’astronautica negli anni ’50 avrebbero permesso la costruzione di successo di un avamposto militare sulla Luna.

L’avamposto era stato pianificato per essere di dimensioni sufficienti per contenere abbastanza equipaggiamento che sarebbe stato successivamente utilizzato nella militarizzazione e nell’esplorazione della Luna.

L’avamposto militare era stato progettato per permettere la sopravvivenza e l’attività moderata e costruttiva di una persona. Durante la pianificazione, gli investigatori consideravano che l’avamposto dovesse essere progettato per le installazioni di espansione, fornitura e operazioni del personale per mantenere la massima estensione dell’occupazione sostenuta.

Il progetto futurista del 1959 era stato pianificato per essere autonomo per il maggior tempo possibile senza alcun supporto aggiuntivo dalla Terra.

Tuttavia, non solo il Progetto Horizon era il primo passo della militarizzazione lunare, la base era stata progettata per poter contare come un’installazione permanente di avanzata, cosa che avrebbe eventualmente permesso alla ricerca un alto potenziale scientifico, commerciale e militare sulla superficie lunare.

L’avamposto lunare è destinato a servire come punto di osservazione, cosa che faciliterebbe nei prossimi anni, i viaggi tra la Terra, la Luna e l’eventuale esplorazione del nostro sistema solare e dello spazio esterno. 5

fonte ufospain

I commenti sono chiusi.