Progetto RedSun: “l’arrivo segreto degli umani su Marte” (Video)

2.153

Il filmato che presentiamo è stato presumibilmente trapelato da una raccolta di video classificati segreti utilizzati per addestrare astronauti e piloti dell’aeronautica. Il progetto chiamato Redsun (sole rosso).

 

 

Il 9 giugno 1959, il governo degli Stati Uniti decise che la costruzione di una base sulla Luna era di grande importanza per il paese.

Il “Progetto Horizon” aveva come obiettivo l’istituzione di una base sulla Luna creata in risposta al crescente interesse di altre nazioni, oltre che dell’Unione Sovietica, per la militarizzazione e l’esplorazione della Luna.

Secondo informazioni riservate raccolte dal ricercatore indipendente Luca Scantamburlo, la NASA nel 1970 organizzò due missioni segrete su Marte in collaborazione con l’allora Agenzia Spaziale Sovietica, allo scopo di recuperare i reperti di un’antica civiltà marziana.

Questo filmato, registrato in formato 16mm, è trapelato da una raccolta di video classificati come segreti che servivano per addestrare astronauti e piloti dell’aeronautica durante le riunioni per discutere di un progetto chiamato Redsun (Red Sun   .

Si sa molto poco di queste missioni, si dice che il secondo equipaggio fosse composto da Elliot See, comandante, William B. Rutledge, pilota, e Vladimir Iiyushin a bordo della nave IVV Columbus. Il controllo della missione è stato istituito a Cocoa Beach, in Florida.

Ma dopo tre missioni, l’intera operazione si spostò nella famosa Area 51.

STORIE DALL’UNDERGROUND  AMERICANO  :

Groom Lake si trova all’interno della base più misteriosa, la famigerata Area 51. Da lì le foto sarebbero state inviate a Luca Scantamburlo dal suo contatto personale e segreto.

Le immagini mostrerebbero Buzz Aldrin che cammina sulla superficie di Marte: “La mia fonte mi ha detto che il famoso astronauta Buzz Aldrin sarebbe stato solo il comandante della prima missione segreta con equipaggio su Marte (chiamata WPXVI), una missione dell’anno 1970 organizzata come parte del progetto descritto come Project Redsun.

Di queste spedizioni marziane, Lucas Scantamburlo ottenne conferma da un altro famoso  insider : moonwalker1966delta.

L’autoproclamato comandante dell’Apollo 19, missione che ufficialmente non è mai avvenuta, ha dovuto raggiungere il lato più lontano della Luna per studiare da vicino le anomalie fotografate dalle precedenti missioni Apollo: principalmente, un presunto enorme veicolo spaziale che è da tempo immemorabile sulla Luna.

Ma l’Apollo 19 non raggiunse mai la sua destinazione, a causa di un guasto che minacciava di uccidere l’equipaggio.

E la storia che lo stesso  Moonewalker1966delta  – pseudonimo sotto il quale si nascondeva un famoso ex astronauta – raccontò a Scantamburlo in un intenso scambio di messaggi che sarebbe poi diventato il libro Apollo 20. The Disclosure 

Il comandante dell’Apollo 19 ha confermato in modo indipendente l’esistenza di queste missioni segrete congiunte sovietico-americane su Marte, indicando lo stesso nome: Project Redsun.

 

fonte ufospain

I commenti sono chiusi.