Scienziati sconcertati da un evento misterioso accaduto vicino alle Bahamas

1.508

Secondo gli esperti, “non c’è consenso scientifico su quale sia la causa”.

Con l’aiuto delle immagini satellitari raccolte tra il 2003 e il 2020, gli scienziati si sono imbattuti in un mistero vicino alle Bahamas. Gli esperti hanno riscontrato un aumento di quello che chiamano un “aumento temporaneo delle macchie scolorite” nell’acqua. Gli oceanografi sono rimasti perplessi dalla scoperta. Anche se le chiazze sono state analizzate in dettaglio solo di recente, le strane macchie nell’acqua sono state notate già negli anni ’30.

Le zone d’acqua scolorite si trovano nelle acque poco profonde delle Bahama Banks. L’analisi iniziale dei campioni raccolti dagli scienziati suggerisce che le macchie potrebbero essere il risultato di un’abbondanza di “particelle di carbonato di calcio a grana fine, sospese nell’acqua, secondo SciTechDaily. I dati sono stati raccolti dall’Operational Land Imager (OLI) su Landsat 8, che ha acquisito immagini a colori naturali degli eventi”.

Diverse teorie delle macchie vicino le Bahamas

Sebbene ciò possa causare le strane macchie, gli scienziati non sono ancora sicuri del motivo per cui si verificano questi picchi e di quale carbonato di calcio si accumula in queste aree specifiche. Secondo alcune spiegazioni, questi potrebbero essere processi meccanici causati dalle correnti.

Alcune teorie propongono che le correnti raccolgano sedimenti di carbonato di calcio. Altre teorie suggeriscono che le macchie dispari siano causate da fioriture di fitoplancton o da altri processi biologici. Ma come ha spiegato Chuanmin Hi, un oceanografo dell’Università della Florida del sud, “non c’è consenso scientifico su ciò che li causa”.

Un mistero “gigantesco”.

L’analisi delle immagini satellitari ha anche rivelato che le macchie bianche apparivano più frequentemente in inverno e in primavera. Anche le patch variano notevolmente in termini di dimensioni. Alcuni sono stati trovati per misurare tra 0,1 e 226 chilometri.

Anche gli esperti hanno notato un drastico aumento delle dimensioni. La superficie totale interessata dalle toppe è passata da circa 25 chilometri quadrati nel 2003 a circa 300 chilometri quadrati tra il 2014 e il 2015.

Nel quinquennio successivo la superficie totale è diminuita, tornando alla dimensione media di 25 chilometri quadrati. Ciò che causa esattamente questi eventi misteriosi rimane un mistero scientifico che gli esperti sono ansiosi di comprendere.

fonte curiosmos

I commenti sono chiusi.