UN’ ALTRA GIORNATA POLVEROSA DALLA “DEPRESSIONE DEL BODÈLÈ”

6.529

Tempesta di polvere nella depressione di Bodélé. Questa particolare tempesta soffiava nel pomeriggio del 18 novembre 2004, quando il Moderate Resolution Imaging Spectroradiometer (MODIS) ha sorvolato il satellite Aqua della NASA. La NASA si interessa delle polveri di Bodélé da diversi anni.

*****************

Il trafficato sito Geopop ha diffuso la notizia che a riempire i cieli non sarebbe la sabbia del Sahara, ma la polvere della “depressione del Bodélé”. Una bufala? È davvero da lì che parte questa invasione di non so cosa? Perché i giornaloni non parlano di questo luogo? Andiamo a vedere cos’è.

Wiki spiega:

Il Bodélé è una depressione situata nel Ciad settentrionale, nel deserto del Sahara. Rappresenta il punto di minore altitudine del paese, situato fra i vasti altopiani del Tibesti e dell’Ennedi.

La depressione è nota ai meteorologi perché è una delle più grandi e più attive sorgenti di polvere del mondo. La polvere del Bodélé, che i venti trasportano in altre zone del mondo, si forma principalmente sul fondo di un insieme di laghi che vengono inondati di acqua fangosa nella stagione delle piogge e seccano nella stagione asciutta. Le dinamiche precise della circolazione dei venti e della polvere nel Bodèlè non sono state ancora del tutto comprese. Dati recenti della NASA mostrano una velocità di spostamento delle tempeste di polvere in contrasto con le previsioni fatte sulla base di modelli meteorologici tradizionali.

E sulla pagina in inglese si legge di interessi specifici in questo luogo:

Esperimento sulla polvere di Bodélé
Nel febbraio 2005 è stato condotto il primo esperimento sul campo, il Bodélé Dust Experiment o BoDEx 2005, nella depressione di Bodélé. L’esperimento ha misurato per la prima volta i venti superficiali e i venti vicini alla superficie, le concentrazioni di polvere e l’influenza della polvere sul bilancio della radiazione nella depressione di Bodélé.[2] Questo lavoro ha coinciso con un importante evento di emissione di polvere durante il quale il Bodélé Low Level Jet ha sostenuto velocità del vento superficiale di circa 16 m/s. Anche il nucleo del Bodélé Low Level Jet è stato mappato per la prima volta dai dati del vento, ed è stato dimostrato che subisce un ciclo diurno molto marcato, con picchi di vento a metà mattina. Durante la notte, il Bodélé Low Level Jet scorre su un’inversione quasi superficiale, ma si mescola rapidamente verso la superficie poche ore dopo l’alba, quando l’intenso riscaldamento superficiale induce turbolenza negli strati più bassi.

BoDEx 2005 https://africanclimateoxford.net/projects/bodex/

PENSIERI: Naturalmente si tratta di pura immaginazione e non è affatto provato, ma c’è effettivamente qualcuno che studia le tempeste di polvere, sempre ovviamente solo con simulazioni al computer. Ma in passato è stata chiesta l’autorizzazione quando sono state sganciate bombe nucleari nei deserti, negli oceani, nel cielo? Occorre pensare all’inimmaginabile. La scienza e i militari stanno giocando una partita pesante con il nostro habitat. È possibile intervenire con elementi che creino le condizioni desiderate? Non credo sia impossibile.

Qualcuno sta studiande le tempeste di sabbia per comprendere le condizioni di Marte. Le tempeste di polvere su Marte sono simili a cicloni terrestri  Uno dei grossi problemi di Marte (uno dei tanti) è che ci sono le tempeste di polvere. Questi eventi atmosferici sono significativamente potenti e possono durare anche una settimana di seguito.  VEDI QUI E QUI 

Gli scienziati scoprono che le massicce tempeste di polvere su Marte sono innescate da squilibri termici  https://www.space.com/mars-climate-dust-storms-heat-imbalance

Uno studio interessante del 2009

La polvere come elemento determinante: La depressione di Bodélé, Ciad
Astratto
Le polveri svolgono un ruolo fondamentale nelle retroazioni climatiche e biofisiche del sistema Terra. Si stima che una fonte di polvere, la depressione di Bodélé in Ciad, produca circa la metà degli aerosol minerali emessi dal Sahara, che è la fonte più grande al mondo. Utilizzando una serie di nuovi dati di telerilevamento, modelli regionali, modelli di traiettoria, analisi chimiche delle polveri e simulazioni climatiche future, indaghiamo sulla sensibilità attuale e passata della Bodélé. Mostriamo che piccoli aggiustamenti a piccole caratteristiche della circolazione atmosferica, come il Bodélé Low-Level Jet, potrebbero alterare profondamente il comportamento di questa caratteristica. La produzione di polvere durante la metà dell’Olocene è cessata completamente da questa regione sorgente chiave. Sebbene soggette a una grande incertezza, alcune simulazioni del XXI secolo indicano la possibilità di un aumento sostanziale della produzione di polveri entro la fine del secolo rispetto ai valori attuali…

RISASSUMONO Diversi fattori distinguono il Bodélé come un potenziale elemento di sbilanciamento. È la più grande fonte singola di polvere minerale del pianeta, producendo circa la metà del carico di aerosol minerale del Sahara. Le polveri minerali svolgono un ruolo chiave nel modificare il clima attraverso l’interazione con la fisica delle nuvole e il riscaldamento radiativo. È inoltre coinvolta in numerosi feedback biofisici sia negli oceani che sulla terraferma.
Il Bodélé è tuttavia una regione molto piccola ….(ndr e questo è un fatto che fa riflettere).

DOCUMENTO INTEGRALE  https://www.pnas.org/doi/10.1073/pnas.0711850106

Se volete essere aggiornati sulle ultime novità, iscrivetevi al CANALE TELEGRAM https://t.me/NogeoingegneriaNews.

LE TEMPESTE DI SABBIA E I “DUST DEVILS” STANNO DIVENTANDO PIU’ FREQUENTI E GRAVI. COME MAI?

fonte nogeoingegneria

I commenti sono chiusi.