Un documento della CIA parla di “dischi volanti” che viaggiavano a più di 12.000 km orari nel 1955

3.599

Un caso di avvistamento di UFO che suggerisce l’esistenza di una tecnologia oltre la conoscenza umana dell’epoca. Con il titolo “Avvistamenti Insoliti di Oggetti Volanti e Attività Scientifica Associata”, il documento è stato reso pubblico nel 1978.

Originariamente consisteva in una singola pagina e era classificato come “Confidenziale”, con poche censure. Nel testo leggibile si racconta di un racconto intrigante proveniente dall’Ungheria, dove nell’inverno del 1955 una fonte ricevette una lettera che menzionava i misteriosi “dischi volanti”.

Questi oggetti, descritti come “volanti molto veloci”, si pensava viaggiassero a una incredibile velocità di 12.000 chilometri all’ora. Pagine aggiuntive Nel gennaio del 2020, The Black Vault, il sito specializzato nella declassificazione gestito dall’investigatore John Greenewald, presentò un caso di Revisione Obbligatoria della Declassificazione (MDR), cercando di scoprire ulteriori dettagli e di sollevare le censure. Anche se la MDR non raggiunse il suo obiettivo principale, il caso rivelò che c’era più informazione di quanto precedentemente conosciuto.

Venne alla luce l’esistenza di due pagine aggiuntive, completamente censurate. Le censure furono fatte in base alle Sezioni 3.3(h)(2) e 6.2(d) dell’Ordine Esecutivo 13526. La Sezione 3.3(h)(2) dell’Ordine Esecutivo 13526 stabilisce i procedimenti per la declassificazione automatica delle informazioni che hanno più di 25 anni, a meno che non rientrino in specifiche esenzioni delineate nell’ordine.

La Sezione 6.2(d) riguarda la protezione delle informazioni che, se divulgate, potrebbero ragionevolmente causare danni identificabili o descrittibili alla sicurezza nazionale o alle relazioni estere. Consente la classificazione continua di tali informazioni per evitare danni agli interessi della sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

https://drive.google.com/file/d/1Ul2cmqhnR8_JpDMRr-frZgmcpJxZO2jv/view

La rivelazione di queste pagine aggiuntive aggiunge un nuovo strato di mistero al caso. Solleva domande su quali ulteriori informazioni potrebbero essere contenute e perché sono considerate così sensibili da giustificare una censura totale. Missili o dischi? Per mettere in prospettiva la velocità riportata degli oggetti volanti, vale la pena notare che l’aereo più veloce del mondo nel novembre del 1955 era il North American F-100C Super Sabre, che stabilì un record il 20 agosto del 1955 di 1.323 chilometri all’ora.

La velocità di 12.000 chilometri all’ora menzionata nel registro della CIA superava di gran lunga questa velocità, suggerendo che gli oggetti volanti fossero di una natura straordinaria per l’epoca in cui furono avvistati.

Ma potrebbero non essere stati aerei affatto? Il documento della CIA menziona i “missili”, ma non è chiaro se la spiegazione tra parentesi fosse un tentativo di traduzione alternativa da parte di un analista dell’agenzia di intelligence o se la parola fosse stata effettivamente trasmessa dalla fonte originale.

Tuttavia, per considerare la possibilità che questi oggetti fossero, in effetti, missili, è necessario avere contesto storico. Nel 1955, la corsa alla supremazia nella tecnologia dei missili era in pieno svolgimento, con Stati Uniti e Unione Sovietica che spingevano i limiti del possibile.

Anche se le velocità esatte dei missili in quel momento non sono ben documentate, è noto che l’era fu caratterizzata da significativi progressi nella propulsione dei missili e nell’aerodinamica. Il missile V-2, sviluppato dalla Germania durante la Seconda Guerra Mondiale e poi utilizzato dagli Stati Uniti e dall’URSS per la ricerca, poteva raggiungere velocità fino a 5.760 chilometri all’ora.

Lancio di un V2 nel 1943.

Tuttavia, è stato lo sviluppo del missile balistico intercontinentale (ICBM) e della prima corsa allo spazio a portare davvero le velocità dei missili a nuove altezze.

Alla fine degli anni ’50, i missili erano capaci di raggiungere velocità che superavano di gran lunga quelle di qualsiasi aereo, preparando il terreno per l’esplorazione dello spazio e l’eventuale allunaggio.

Anche se la velocità riportata di 12.000 chilometri all’ora per gli oggetti volanti non identificati nel documento della CIA era straordinaria per il suo tempo, preannunciava le incredibili velocità che i missili avrebbero raggiunto negli anni a venire. Pertanto, tenendo conto di tutto ciò, non sarebbe giusto attribuire l’avvistamento riportato ai missili.

Ad esempio, il Redstone, che si ritiene sia stato uno dei missili più veloci della stessa epoca (1958), rimase comunque migliaia di chilometri all’ora al di sotto della velocità menzionata nel documento declassificato.

Un altro punto che esclude tale possibilità è il disegno che appare sulla prima pagina, che illustra la traiettoria in cui gli oggetti sono stati visti volare, mostrando 11 dischi (cerchi) in formazione 4-3-4 che vanno da Budapest a Mosca.

Disegno che mostra gli oggetti in formazione avvistati e la loro traiettoria.

Infine, se fosse qualcosa di balistico e terreno, perché c’è così tanto segreto quasi 70 anni dopo l’evento? The Black Vault ha presentato una nuova MDR il 12 marzo 2024 nella speranza di poter rivelare ulteriori dettagli su questo interessante caso UFO dell’epoca.

fonte Misteryplanet

I commenti sono chiusi.