Un esopolitico assicura che la Russia sta cercando un’ “arca spaziale” sepolta in Ucraina (Video)

1.831

Questo controverso e strano annuncio arriva da Michael Salla, un noto esopolitico e autore australiano.

L’esopolitica si occupa delle ipotetiche relazioni politiche tra alieni e umani; che si basa sull’esistenza di relazioni politiche terrestri con diverse razze cosmiche o viaggi politici intergalattici.

Insieme alla parte “contattista”, è uno degli anelli più deboli dell’ufologia e, quindi, uno dei motivi stigmatici che ha tenuto lontani accademici e scienziati dall’argomento UFO.

Ed ecco che, l’aspetto esopolitico non poteva mancare in una questione geopolitica come l’attuale conflitto tra Russia e Ucraina che rischia di scatenare una terza guerra mondiale e addirittura un’apocalisse nucleare.

Secondo Salla , la cattura della città portuale dell’Ucraina e della regione (oblast) di Kherson da parte dell’esercito russo, non solo risponde a una domanda strategica, ma vi sarebbe sepolta un’antica “arca spaziale”.

“Secondo due fonti indipendenti, l’arca spaziale è sepolta sotto l’Oleshky Sands National Nature Park (46°35’19″N 33°03’01″E), che si trova a soli 25 km (15 miglia) a est di Kherson. » .

“Si dice che l’arca spaziale si stia attivando e si prevede che alla fine inizierà a volare nell’aria”, scrive l’autore australiano sul suo sito web.

Salla assicura che queste informazioni sono state ottenute da una fonte militare che identifica solo con le iniziali JP, che sarebbe già stato in missioni segrete su altre due archi spaziali.

“Una missione è andata sulla Luna e altre due sono state nell’area del Triangolo delle Bermuda nell’Oceano Atlantico”.

“Le tre missioni sono state svolte congiuntamente da Stati Uniti e Cina, e la seconda missione nell’Oceano Atlantico includeva la Russia, che aveva trovato la propria arca ma non ha concesso l’accesso agli Stati Uniti”, spiega in dettaglio.

Ed è che, secondo i suoi informatori, questa non sarebbe una mera invasione geopolitica dell’Ucraina per evitare di avere la Nato alle porte della Russia, ma parte di una “operazione di pulizia”.

“Lo stato profondo ucraino stava cercando di attivare l’Arca, che avevano trovato molti anni fa, sepolta sotto la sabbia nella parte meridionale del Paese”.

“L’arca è stata attivata, quindi era tempo che Putin la mettesse nelle sue mani. C’è una seconda arca nel nord della Russia, ma Putin la controlla già”, dice Salla, citando come fonte l’archeologa Elena Danaan.

Sì… lo sappiamo, non sembra credibile. Tuttavia, non si può negare che la storia sia – almeno – interessante. Divertente? Non tanto.

Soprattutto considerando le vittime, i profughi e le distruzioni implicate dall’incursione bellicosa nel territorio di una nazione sovrana e democratica.

Più che un'”arca spaziale”, ci auguriamo che per il bene di tutta l’umanità queste due nazioni trovino presto alla pace.

 

fonte exopolitics
via ufospain

I commenti sono chiusi.