Un ritrovamento che potrebbe riscrivere la storia: Scoperta una piramide con 300 mummie

4.833

La piramide sconosciuta che è stata portata alla luce nella necropoli di Giza apparteneva a un antico faraone, la cui identità rimane velata dopo millenni di storia.

L’egittologo Zahi Hawass e una delle mummie scoperte a Saqqara, un sito di scavi alla periferia del Cairo. | Credito: Zahi Hawass

A 100 anni dalla scoperta della tomba di Tutankhamon, la necropoli di Giza rimane un terreno fertile per i reperti archeologici.

Di recente, un team di ricercatori del Ministero delle Antichità egiziano ha riportato la scoperta di centinaia di mummie, sepolte all’interno di una piramide precedentemente sconosciuta.

Guidato dall’archeologo emerito Zahi Hawass, il gruppo di ricerca ha  riesumato i resti mummificati di almeno 300 persone. 

Si presume che facessero parte del corpo di servizio di un faraone di cui finora non si aveva traccia, anticamente sepolto vicino alla tomba di Tutankhamon. Questo è ciò che sappiamo.

300 mummie e una rete di pozzi interconnessi

Oltre alle 300 mummie rinvenute nella piramide sconosciuta, gli archeologi hanno trovato un deposito di bare e manufatti, oltre a una serie di tunnel interconnessi.

Questi reperti sono il risultato di due anni di scavi nel sito di Saqqara, a circa 32 chilometri dal Cairo.

Fino ad ora, si sa che alcune delle bare appartenevano a illustri generali, che  erano stretti consiglieri di Tutankhamon. Sicuramente lo hanno accompagnato da quando salì al trono fino alla sua morte prematura, all’età di 19 anni.

“TETI ERA ADORATO COME UN DIO NEL PERIODO DEL NUOVO REGNO, QUINDI LE PERSONE VOLEVENO ESSERE SEPOLTE VICINO A LUI”, HA DETTO ZAHI HAWASS A  LIVE SCIENCE  IN UNA MAIL.

La cosa più impressionante, sottolinea l’archeologo ed ex Ministro delle Antichità, è che la maggior parte delle sepolture apparteneva all’Antico Regno o al Periodo Tardo. Nei 22 pozzi rinvenuti —profondi fino a 18 metri— sono state rinvenute tombe del Nuovo Regno, che corrisponde al regno di Tutankhamon.

A chi era dedicata la piramide sconosciuta?

Secondo Hawass, le mummie trovate all’interno sono chiaramente differenziate tra maschi e femmine, con  scene dettagliate tratte dal suo personale Libro dei Morti.

Non solo: ogni sarcofago riporta il nome della persona deceduta, oltre alle offerte ai 4 figli di Horus, il dio del cielo.

Nella mitologia egizia, i figli di Horus erano incaricati di vegliare sui resti organici delle persone. Terminato il processo di mummificazione, gli organi venivano depositati in appositi contenitori per preservare il più possibile il corpo.

Nonostante il passare del tempo, i saccheggi e l’ambiente, le mummie sono straordinariamente ben conservate, afferma Hawass:

“QUESTO DIMOSTRA CHE LA MUMMIFICAZIONE HA RAGGIUNTO IL SUO PUNTO MASSIMO NEL NUOVO REGNO”, SPIEGA LO SPECIALISTA. “ALCUNE BARE HANNO DUE COPERCHI E LA BARA PIÙ INCREDIBILE DI SEMPRE HA LA MASCHERA DI UNA DONNA FATTA INTERAMENTE DI ORO MASSICCIO.”

Con tutto quanto sopra, i ricercatori hanno anche trovato il nome del faraone per il quale fu eretta la piramide sconosciuta. Dalle analisi del recinto, hanno stabilito che la struttura è stata costruita per la regina Neith.

Non era mai stato registrato prima, sottolinea Hawass, quindi potrebbe ” riscrivere letteralmente ciò che sappiamo della storia”.

fonte Fonte ufospain

I commenti sono chiusi.